Scoprendo le strade di casa in bicicletta: l’alto Lazio

Quale è il modo migliore per cominciare il nostro viaggio insieme se non quello di partire dalle nostre origini? Entrambi proveniamo dalla zona costiera del centro/alto Lazio, un territorio compreso tra Agro Romano e bassa Maremma. Abbiamo sicuramente avuto il privilegio di crescere in un luogo meraviglioso, dove mare, colline e tramonti spettacolari sono da sempre i protagonisti del paesaggio. Da due anni siamo ospiti del Veneto e stiamo scoprendo pian piano la regione, ma ogni tanto ci piace ripensare ai luoghi che ci hanno visto crescere.

cyclinginlove-giro_in_bici_lazio-bike-tour-lazio-blog-blogger-bdc-ladispoli-mare
Uno dei percorsi ciclo-pedonali che costeggiano il lungomare (San Nicola, RM)

Oltre la natura, questi territori vantano straordinari patrimoni artistici: basti pensare che due cittadine, Cerveteri e Tarquinia, sono tutelate dall’UNESCO, grazie alle loro incredibili tombe affrescate risalenti alla civiltà etrusca. Di solito quando si vive in un posto risulta difficile apprezzarne le bellezze: l’abitudine infatti può appiattire la sensibilità nei confronti di ciò che ci circonda. Nel nostro caso, grazie alla bici, abbiamo riscoperto piccole perle naturalistiche e artistiche del nostro territorio che ci piacerebbe condividere!
Non potevamo non partire con il Mar Tirreno, che domina incontrastato il paesaggio con il suo sconfinato azzurro lucente e i suoi incredibili tramonti. Ad arricchire la costa vi sono molteplici aree palustri protette, come la riserva naturale di Torre Flavia, a Ladispoli, e la riserva naturale delle Saline di Tarquinia. Sono luoghi che vedono il passaggio di numerosissime specie di uccelli, sia autoctoni che migratori: primi tra tutti i fenicotteri, che con il loro caratteristico piumaggio rosa offrono spesso uno spettacolo di incomparabile bellezza. Un punto di particolare interesse turistico lungo la costa dell’alto Tirreno è sicuramente il castello di Santa Severa, situato proprio sulla spiaggia e lambito costantemente dal vento e dalla salsedine. Grazie alla sua collocazione, il castello regala al visitatore un colpo d’occhio davvero notevole e per questo è spesso teatro di concerti musicali, mostre e set cinematografici.

cyclinginlove-giro_in_bici_lazio-bike-tour-lazio-blog-blogger-bdc-mare-castello_santa_severa-torre_flavia-monte_argentario
Dall’alto verso il basso, il castello di Santa Severa (RM), la riserva naturale di Torre Flavia (RM) e l’Argentario, Giglio, Montecristo e Giannutri visti da Tarquinia (VT)

Se vi capitasse di visitare l’alto Lazio, vi consigliamo di non saltare una visita alla città di Tarquinia, famosa non solo per la sua necropoli etrusca, ma anche per uno dei centri storici medievali meglio conservati di tutta Italia.

cyclinginlove-giro_in_bici_lazio-bike-tour-lazio-blog-blogger-bdc-tarquinia-tombe_etrusche-museo_etrusco
In alto, una panoramica di Tarquinia. In basso una foto di una tomba etrusca affrescata presso la necropoli di Tarquinia (sinistra) e una del museo etrusco (destra)

Un altro elemento predominante del paesaggio è la collina. A fare da spartiacque tra Maremma e Agro Laziale vi sono infatti i Monti della Tolfa, un gruppo collinare molto esteso che raggiunge la sua massima elevazione con il Monte Maggiore (633 metri s.l.m.). Con le sue lunghe e panoramiche salite asfaltate e le innumerevoli strade bianche e sentieri che si estendono su tutta la zona, costituisce un vero e proprio paradiso per gli amanti delle due ruote, siano essi motociclisti, ciclisti su strada o amanti della mountain bike. Queste colline offrono una natura pressoché incontaminata, caratterizzata dai lussureggianti boschi di faggi e castagni nel versante nord e dalla più coriacea e caratteristica macchia mediterranea nel versante sud: una tappa fissa per i nostri giri in bici!
La fatica necessaria a percorrere le salite viene sicuramente ripagata dagli spettacolari panorami, che offrono al visitatore un magnifico colpo d’occhio su tutta la Maremma Laziale e sul promontorio del Monte Argentario, con le isole di Giannutri, Giglio e Montecristo. Nelle giornate più limpide si scorge anche il dolce profilo del monte Amiata, che  domina in lontananza con i suoi 1736 metri di altitudine. Infine, da non perdere assolutamente è il centro abitato di Tolfa, nota per la bellezza del suo centro storico medievale, la rocca dei Frangipane, che svetta su uno sperone roccioso e i suoi prodotti gastronomici tipici a chilometro zero.

cyclinginlove-giro_in_bici_lazio_bike_tour-lazio-blogger-bdc-monti-della-tolfa
Scorci e panorami dei Monti della Tolfa

Se pensate che sia tutto qui, vi sbagliate di grosso! Ci sono ancora così tante cose che vale la pena visitare che non basterebbe tutto il blog per elencarvele una ad una…basta spostarsi leggermente verso l’entroterra per scoprire tre meravigliosi laghi di origine vulcanica (Bracciano, Vico e Bolsena) o immergersi in deliziosi borghi medievali come Civita di Bagnoregio, Montefiascone e Viterbo. Una cosa è certa, non vogliamo essere di parte, ma aspettatevi sicuramente dei resoconti dettagliati su questi itinerari. Cercheremo, seppur virtualmente, di farvi provare la sensazione di pedalare con noi alla scoperta di tutte queste meraviglie con l’obiettivo di farvi scoprire questa regione dell’Italia centrale!

Filippo e Manuela

Link utili:

One thought on “Scoprendo le strade di casa in bicicletta: l’alto Lazio

Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: