I tre passi di montagna che abbiamo ripercorso in bicicletta

I tre passi di montagna che abbiamo ripercorso in bicicletta

Montagna e bicicletta

In primavera avvertiamo nell’aria un senso di cambiamento. Dopo un lungo e grigio inverno, arriviamo sempre in quel punto dell’anno in cui i raggi del sole cominciano nuovamente a scaldarci. Anno dopo anno, nei nostri giri in bici aumenta puntualmente la voglia di ricominciare a sognare: immaginando la nuova stagione ciclistica non abbiamo dubbi sul fatto che la montagna sarà la nostra meta privilegiata.

montagna-passo-rolle
San Martino di Castrozza (TN)

Le montagne del cuore

E’ proprio di questo che vogliamo parlarvi in questo post: dei desideri e delle nuove avventure che affollano i nostri sogni su due ruote.
Tutti noi abbiamo dei posti in cui ci sentiamo a casa: possiamo conoscerli a memoria ma non importa. Tornare in precisi luoghi ci farà sentire liberi, in pace con noi stessi e felici.
Potrebbe sembrare strano (forse solo i ciclisti capiranno!) ma i nostri luoghi “del cuore” sono anche quelli in cui abbiamo faticato di più.
Passo Manghen, passo Rolle e passo Pian delle Fugazze ci hanno visto sudare, faticare come non mai e a volte imprecare. Paradossalmente è proprio qui che cerchiamo di tornare estate dopo estate. Le imponenti pale di San Martino di Passo Rolle, le rampe del Manghen, le cime appuntite del Pian delle Fugazze: sono queste le immagini impresse nella nostra mente e nel nostro cuore quando pensiamo alla montagna.

montagna
I tre passi percorsi nel 2016: passo Rolle (in alto), passo Manghen (in basso a sinistra) e passo Pian delle Fugazze (in basso a destra)

Perchè tornarci?

Di sicuro molti di voi si chiederanno: perché non provare qualcosa di nuovo?
Al di là dei problemi logistici (in mancanza di macchina utilizziamo i treni), semplicemente questi posti di montagna esercitano su di noi un richiamo particolare. Qui ci sentiamo a casa e completamente in armonia con l’ambiente circostante.
N
on vogliamo assolutamente negare la bellezza delle località più famose, come Stelvio, Mortirolo, Gavia, o i passi dolomitici della Val di Fassa e Val Gardena. Sono sicuramente splendidi luoghi (che abbiamo in programma di visitare) che fanno da cornice a manifestazioni ciclistiche di livello internazionale e mondiale. Piuttosto, in linea con gli obiettivi del blog, ci piacerebbe portarvi in luoghi altrettanto belli che rimangono meno conosciuti.
Alcune di queste salite presentano indubbi vantaggi per noi ciclisti. Ad esempio la minore intensità del traffico permette di pedalare in sicurezza e godere del meraviglioso silenzio della montagna.
Sicuramente percorreremo nuove salite e scopriremo nuovi percorsi: come ciclisti è al cosa che ci da maggiore soddisfazione! Un angolino del nostro cuore però sarà sempre qui: diviso in tre in questi passi di montagna.

montagna-passo-rolle
Passo Rolle (scendendo verso San Martino di Castrozza)

Ora sapete quali sono i nostri posti del cuore!
Adesso, però, tocca voi: quali sono le tre salite che non smettereste mai di ripercorrere?

montagna-passo-manghen
Panorama dalla cima del passo Manghen

Filippo e Manuela

Link utili: 



3 thoughts on “I tre passi di montagna che abbiamo ripercorso in bicicletta”

Rispondi


error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: