Campo Imperatore in bicicletta: la salita da Assergi

Campo Imperatore in bicicletta: la salita da Assergi

Campo Imperatore: il piccolo Tibet

Campo Imperatore, nel cuore dell’Abruzzo, è chiamato il piccolo Tibet.

campo-imperatore-in-bicicletta

Alcune salite si scalano prima con l’anima e poi con le gambe.
Per noi, la salita che conduce a Campo Imperatore (L’Aquila, Abruzzo) è una di queste. Percorsa decine di volte in auto per andare alla conquista dei 3000 metri del Corno Grande, questa strada ci ha sempre affascinato. Scalarla in bici ha significato tessere un filo che ci ha unito a queste montagne e ai loro infiniti spazi.

campo-imperatore-in-bicicletta
La prima parte della salita

Altimetria della salita

Racchiusa nel cuore del Parco Nazionale del Gran Sasso e dei Monti della Laga, questa salita consente di immergersi in uno dei territori più incontaminati dell’Italia.
Partendo da Assergi, la salita è lunga 26 chilometri e presenta una pendenza media del 4,1% con punte del 12%. La lunghezza e la quasi totale assenza di bosco, insieme alla quota e ai forti venti, costituiscono gli ostacoli principali da superare.

campo-imperatore-in-bicicletta

Una bellezza selvaggia nel cuore dell’Abruzzo

Ciò che rende unica questa strada è sicuramente il suo paesaggio.
Montagne dalle cime riarse dal sole e spazzate da venti di alta quota, sono circondate da pareti rocciose che irrompono verso l’alto. Pedalare e faticare qui vi farà sentire piccoli e soli ma anche parte di qualcosa di immensamente grande.
Fermatevi a bordo strada, chiudete gli occhi e ascoltate il sibilo del vento. Lo sentirete sbattere contro le cime rocciose e arrivare fino a voi, carico di storie da raccontare. Storie di scalatori e sognatori, di sportivi e ciclisti. Marco Pantani nel 1999 percorse questa salita inserita nel 82esimo Giro d’Italia in soli 53 minuti, scrivendo una delle pagine più belle e romantiche di questo sport.

campo-imperatore-in-bicicletta
La piana di Campo Imperatore

Uno dei momenti più belli della salita è l’arrivo nella piana di Campo Imperatore dove il Corno Grande del Gran Sasso mostra la sua parete Nord dai tratti spiccatamente dolomitici.

campo-imperatore-in-bicicletta
Il Corno Grande del Gran Sasso

Contemplate il paesaggio ma mantenete la concentrazione: arrivati a questo punto, vi aspettano gli ultimi 6 km della salita, i più duri e impegnativi.

campo-imperatore-in-bicicletta

Il lungo serpentone d’asfalto si arrampica infatti verso l’osservatorio astronomico, la stazione d’arrivo della funivia e l’Hotel Campo Imperatore dove fu recluso Mussolini nel 1943. All’arrivo probabilmente troverete scalatori e centinaia di turisti, ma guardando verso il basso vi sembrerà di non sentire il loro chiassoso vociare.
Il vostro cuore potrebbe essere rimasto li, su quell’asfalto ruvido che fatica a rimanere integro sotto l’incessante susseguirsi delle intemperie. Questa è l’anima del Gran Sasso, questo é il vero volto dell’Abruzzo.

campo-imperatore-in-bicicletta

Qualche curiosità

  • La Piana di Campo Imperatore e il Parco Nazionale del Gran Sasso e dei Monti della Laga sono spesso stati scelti come set cinematografici. Tra i film girati qui: Continuavano a chiamarlo Trinità, Il deserto dei Tartari e Ladyhawke;
  • La stanza in cui venne tenuto prigioniero Benito Mussolini, liberato durante l’Operazione Quercia, il 12 settembre 1943, è ancora visitabile. La stanza (numero 220) mantiene intatti i suoi arredi originali ed è stata adibita a piccolo museo;
  • Il sottosuolo del Gran Sasso ospita i laboratori dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare. Qui vengono portate avanti ricerche all’avanguardia nello studio della materia. I laboratori sono veri e propri bunker: essendo coperti da 1400 metri di roccia non subiscono l’influenza di fonti di disturbo esterne, in particolar modo dei raggi cosmici.

   Link utili

campo-imperatore-in-bicicletta



4 thoughts on “Campo Imperatore in bicicletta: la salita da Assergi”

    • Si, davvero un posto magico da scalare in bici! Abbiamo sentito degli incendi…dal versante di Campo Imperatore non si é visto niente, ma è davvero tutto secco e l’intera zona purtroppo é a rischio!

  • In effetti io non conoscevo questo posto meraviglioso ci sono passato di ritorno da un viaggio e mi sono fermato tre giorni a gironzolare intorno paesi compresi ,molti film importanti sono stati girati nei dintorni fra rocca calascio ,santo Stefano di sessanio ,castel del monte e molti western ….posto magnifico

    • Assolutamente d’accordo! Visitando Rocca Calascio abbiamo infatti scoperto anche tutte le varie pellicole girate qui…davvero suggestiva questa parte dell’Abruzzo!

Rispondi


error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: