Menador (Kaiserjägerstraße) in bicicletta: una delle strade più panoramiche del Trentino

Menador (Kaiserjägerstraße) in bicicletta: una delle strade più panoramiche del Trentino
Sei qui Home » Trentino » Menador (Kaiserjägerstraße) in bicicletta: una delle strade più panoramiche del Trentino

Kaiserjägerstrasse: un lascito di ingegneria militare

Incastonata tra le scoscese pareti del massiccio del Gruppo degli Altipiani, si trova un’altra delle straordinarie opere di ingegneria militare con le quali il Veneto e il Trentino stupiscono visitatori di tutto il mondo. Stiamo parlando della Kaiserjägerstrasse, conosciuta anche come strada del Menador (SP133).
In queste due regioni infatti le tracce della Grande Guerra sono molto presenti, non soltanto nelle memorie degli abitanti più anziani, ma anche nei paesaggi, come vi avevamo raccontato nel post dedicato alla strada delle 52 gallerie, all’Ossario monumentale del Pasubio e al Sacrario Monumentale del Monte Grappa.
Ossari monumentali, trincee e monumenti commemorativi sono le eredità di questo grande conflitto che spesso ci è capitato  di incontrare nei nostri giri in bicicletta.

grandi-salite-del-trentino-menador
Scendendo verso Levico Terme (raccomandiamo di mantenere una bassa velocità)

Una scoperta inaspettata

Abbiamo scoperto la Kaiserjägerstrasse osservando l’altopiano di Asiago su Google maps, nel corso della programmazione di una delle nostre uscite.
Dal rifugio di passo Vezzena (località Osteria del Termine, in cui vi avevamo parlato in questo post) abbiamo notato una sottile linea bianca che, a partire dal passo si gettava a capofitto verso i laghi di Levico e Caldonazzo. Non potevamo non provare questa strada!

salita-del-menador_belvedere-menador

L’origine della Kaiserjägerstrasse

La Kaiserjägerstrasse risale alla Prima Guerra Mondiale ed è stata costruita dai soldati austriaci per consentire un rapido accesso al fronte italo-austriaco.
Percorrendola per la prima volta tre anni fà abbiamo scoperto che la strada è particolarmente famosa non soltanto per la sua valenza storica, ma anche per la spettacolare vista che offre sui laghi di Levico e Caldonazzo. Proprio per questo motivo la strada è molto frequentata da ciclisti e motociclisti.

belvedere-del-menador_panorama-laghi-di-levico-e-caldonazzo
Una terrazza naturale

Una terrazza naturale sui laghi di Levico e Caldonazzo

Per i ciclisti che provengono dall’altopiano di Asiago e hanno percorso il passo Vezzena, la Kaiserjägerstrasse è un’ottima opzione per tornare verso valle. Questa strada, infatti, in soli 12 chilometri conduce a Levico Terme: da qui è possibile imboccare la pista ciclabile della Valsugana per tornare verso Bassano o raggiungere i laghi di Levico e Caldonazzo.
Un paio di chilometri dopo l’inizio della discesa si arriva alla famosa terrazza naturale che offre una vista privilegiata sui due laghi e sulla vallata sottostante. Nelle giornate più limpide si distinguono chiaramente le Dolomiti di Brenta! E’ davvero un punto perfetto per scendere dalla bici e scattare qualche foto.

lago-di-levico-e-caldonazzo-menador
Il laghi di Levico e Caldonazzo dal belvedere
salita-del-menador-in-bici-da-corsa_le-grandi-salite-del-trentino-menador
Uno dei punti più stretti della strada

Scendendo dal Menador

Risaliti in sella vi invitiamo a prestare attenzione: da qui in poi la strada è ancora più stretta e il fondo stradale è particolarmente dissestato. Scendete lentamente, sia per godervi gli scorci sulle montagne e le vallate circostanti, sia per non correre rischi inutili.
Spettacolari anche le strette gallerie scavate nella roccia, che lasciano intendere l’enorme sforzo compiuto dalle truppe austriache per realizzare questa straordinaria opera di ingegneria bellica.
Gli ultimi tratti della discesa sono quasi interamente in mezzo al bosco…ma prima di abbandonare definitivamente il Menador, la strada regala altri magnifici scorci sull’imponente massiccio roccioso lungo il quale è stata scavata.

discesa-del-menador
Uno dei tornanti del Menador

Tra storia e scorci mozzafiato sul territorio del Trentino nord-orientale, possiamo affermare con certezza che la Kaiserjägerstrasse è davvero una delle strade più spettacolari del Trentino e di tutta Italia!

menador_panorama-menador
L’indimenticabile panorama sui laghi di Levico e Caldonazzo

Informazioni utili

  • Se scegliete di percorrete la strada in salita preparatevi a sudare: il Menador, come molte altre salite della zona fa parte delle Grandi Salite del Trentino e presenta pendenze davvero impegnative, quasi sempre comprese tra il 9 e il 12%.
  • Partendo dal rifugio di Passo Vezzena, le indicazioni per la Kaiserjägerstrasse non sono molto visibili. Seguendo le indicazioni per Lavarone e Folgaria vedrete, a poco meno di due chilometri dal rifugio, una strada in leggera salita con un cartello che indica Caldonazzo a 12 chilometri e una sbarra di acciaio bianca e rossa. E’ il percorso giusto!
  • Nei pressi del belvedere è presente un piccolo spazio dove è possibile parcheggiare auto e moto.

Link utili

Filippo e Manuela



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Accetto!