Da Cascais a Praia do Guincho: in bicicletta lungo la costa portoghese

Da Cascais a Praia do Guincho: in bicicletta lungo la costa portoghese
Sei qui Home » I vostri viaggi in bicicletta » Da Cascais a Praia do Guincho: in bicicletta lungo la costa portoghese

Ancora una volta il web ci ha dato modo di incontrare (virtualmente!) persone e storie legate al grande mondo della bicicletta. Questo mese, nella rubrica dedicata ai vostri viaggi in bicicletta, accogliamo una blogger, Carlotta e un nuovo paese europeo, il Portogallo! Abbiamo conosciuto Carlotta tramite un post su Facebook in cui si chiedeva: “cosa ho imparato in bicicletta?”.
Ci siamo rispecchiati in questa domanda e grazie a Carlotta abbiamo avuto ancora una volta la conferma che non contano i chilometri, il tipo di bicicletta o quanti allenamenti si fanno: pedalando si impara a superare i propri limiti, a entrare in contatto con la natura e a tirare fuori forza e determinazione. Sono proprio questi gli ingredienti del viaggio che Carlotta ha voluto condividere con noi.
Pronti a pedalare con Carlotta lungo la costa portoghese? A lei la parola!

Una piccola presentazione: parlaci un po’ di te

Ciao a tutti cari lettori, alla penna (o meglio alla tastiera!) c’è Carlotta, una neo-ciclista urbana, blogger, dottoranda in chimica dei materiali a Lisbona, youtuber, artista da strapazzo a tempo perso e malata di viaggi. In sintesi posso dire questo di me, ma mi identifico in mille altri modi e nelle mille altre cose che faccio nella vita.
Se siete curiosi di scoprire altro su di me, vi invito a seguire il mio blog letaschepienedisogni.blogspot.com e il mio canale di Youtube Carlottamicale. Nonostante io sia una ciclista urbana, ogni tanto mi piace uscire da Lisbona e percorrere in bicicletta itinerari diversi. Ad esempio quella che racconto oggi è la mia esperienza da Cascais a Praia do Guincho.

Cascais

Da Cascais a Praia do Guincho: in base a cosa hai scelto l’itinerario?

L’ho scelta per la sua semplicità, primariamente. Il percorso si svolge interamente su pista ciclabile.
A seconda del proprio grado di allenamento si può decidere se arrivare in bicicletta a Cascais da Lisbona, seguendo la strada del mare, oppure prendere il treno da Cais de Sodrè. Nonostante la relativa brevità del percorso, l’escursione prevede tappe interessanti: ad esempio è possibile costeggiare la celebre Boca do Inferno, complesso costituito da grotte naturali oceaniche e vari forti, alcuni dei quali sono anche visitabili.
Una volta giunti a Praia do Guincho si può anche scegliere di proseguire verso Cabo de Roca (il punto più a ovest dell’Europa continentale), anche se consiglio il percorso solo alle persone più allenate viste le pendenze. La prima volta che ho provato a raggiungerla, la mia inesperienza nella scelta degli itinerari ha fatto in modo che io scegliessi qualcosa di troppo difficile per me in quel momento. Il mio prossimo obiettivo sarà sicuramente arrivare fino a Cabo de Roca: non so come e non so quando, ma ci riuscirò!

In bicicletta lungo la costa portoghese

Come sono stati i preparativi?

Semplici. Ho dovuto solo preoccuparmi del pranzo al sacco e di portare la crema solare e una giacca a vento (c’è davvero molto vento nell’area del Guincho!). Il percorso da Cascais a Praia do Guincho è lungo circa 14 chilometri e non presenta cambi di pendenza esagerati. A meno che non decidiate di proseguire verso Cabo de Roca o perdervi negli altri itinerari secondari nella Riserva del Guincho, non è necessario avere una mountain bike.

Ti è rimasto in mente un episodio particolare?

Avendo pedalato da Cascais a Praia do Guincho diverse volte, potrei raccontare davvero tanti aneddoti. Ad esempio, un giorno una mia amica si è ritrovata con le mani viola a fine giornata per colpa del sole! Ricordo con piacere anche il mio tentativo di raggiungere Cabo de Roca: ero la più determinata ad ad arrivare alla meta e mi sono ritrovata ad essere la più lenta e la prima che voleva tornare indietro.

Colori e paesaggi lungo l’itinerario

Cosa ti ha lasciato questa esperienza?

Mi ha lasciato una splendida sensazione di sfida. Il percorso sembra semplice, e per persone allenate lo è davvero. Io uso la bicicletta prevalentemente in città e ho capito di avere ancora bisogno di allenarmi per superare alcuni limiti.
Al di là di questo, senza alcun dubbio una delle cose più belle è stato il contatto con la natura: il panorama di cui si gode, la spiaggia del Guincho, la meta finale.
L’ultima volta che ci sono stata sono finita a fare yoga sulla spiaggia, ed è stato un momento davvero bello, che mi ha fatto realizzare quanto sia soddisfacente viaggiare in bici, per poi godersi questi attimi di pace, in cui si recupera e ci si sente in sintonia con l’ambiente, il vento, il profumo del mare mischiato a quello dei fiori. È come una pedalata nel paradiso!

Cosa vorresti dire a chi ci sta leggendo?

Primariamente vorrei dirvi di venire in Portogallo e di scoprirlo in bicicletta: vi piacerà talmente tanto che farete fatica a tornare a casa. Anche l’Algarve, la regione più a sud del Portogallo, si presta molto ad escursioni in bici tra splendide spiagge e parchi naturali come quello di Faro.
Poi vorrei dire di non fare come me! Se percorrete in bicicletta il tratto da Cascais a Praia do Guincho non abbandonate l’idea di arrivare a Cabo de Roca. Superate i vostri limiti sempre, poi rilassatevi, godetevi il panorama, e vedrete che tutto tornerà ad avere un senso!

L’oceano Atlantico

Informazioni:

  • Se non disponete di una vostra bicicletta è possibile noleggiarne una presso il comune di Cascais (circa 10 euro);
  • Dalla Riserva del Guincho è possibile accedere al Cammino portoghese di Santiago;
  • E’ possibile raggiungere Cascais in treno, senza pagare una tassa aggiuntiva per la propria bicicletta.

Link utili

Manuela e Filippo (con la preziosissima collaborazione di Carlotta!)


Related Posts

Il viaggio di Joëlle: percorrere l’Italia in bicicletta per 1800 chilometri

Il viaggio di Joëlle: percorrere l’Italia in bicicletta per 1800 chilometri

Anche questo mese con la nostra rubrica dedicata ai viaggi in bicicletta rimaniamo in Italia. Lo scorso mese abbiamo condiviso il viaggio di Manlio lungo la Via Vandelli, mentre oggi ospitiamo l’avventura di Joëlle! Partita in solitaria, Joëlle ha scelto di percorrere tutta l’Italia in […]

Patagonia in bicicletta: il viaggio in solitaria di Enrico

Patagonia in bicicletta: il viaggio in solitaria di Enrico

Patagonia in bicicletta: inseguendo un sogno Patagonia: in 10 mesi di interviste a cicloviaggiatori, non ci eravamo mai spinti così lontano! Questo mese, nel primo articolo del 2018 dedicato ai vostri viaggi in bicicletta, abbiamo voluto dare spazio a Enrico. Il suo viaggio, tra i […]



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Accetto!