Prealpi Carniche in bicicletta: i borghi di Poffabro e Frisanco (PN)

Prealpi Carniche in bicicletta: i borghi di Poffabro e Frisanco (PN)
Sei qui Home » Friuli » Prealpi Carniche in bicicletta: i borghi di Poffabro e Frisanco (PN)

In una calda domenica di fine settembre, sfruttando un pomeriggio in cui era tardi per allontanarci troppo da casa, abbiamo deciso di dedicare del tempo a due piccoli borghi delle Prealpi Carniche: Poffabro e Frisanco, entrambi in provincia di Pordenone. Se non ci siete mai stati, alla fine di questo articolo avrete sicuramente un motivo per visitarli e per approfondire il territorio delle Prealpi Carniche in bicicletta!

Di cosa parleremo in questo articolo

- La nostra attrezzatura
- Come raggiungere Poffabro e Frisanco
- Poffabro: uno dei borghi più belli d'Italia ai piedi del Monte Raut
- Frisanco: il capoluogo della Val Colvera
- Val Colvera: una porta d'ingresso alla Prealpi Carniche
- Poffabro e Frisanco ma non solo: itinerari per scoprire le Prealpi Carniche in bicicletta
- Scarica l'itinerario!
- Informazioni

La nostra attrezzatura

Le numerose uscite in bicicletta che abbiamo fatto in Friuli ci hanno insegnato l’importanza dell’abbigliamento a strati e della visibilità. Questo itinerario non fa eccezione: ecco cosa abbiamo utilizzato per pedalare in sicurezza e non soffrire gli sbalzi di temperatura tra la pianura e l’ambiente prealpino!

Luce posteriore: https://amzn.to/2M9xuep
Luce anteriore: https://amzn.to/2sCucJI
Garmin Edge 520: https://amzn.to/38OI5F3
Antivento Castelli: https://amzn.to/2PxuPgq
Gambali Alè: https://amzn.to/333y58m
Manicotti Alè: https://amzn.to/2S1tn7Q
Borsa sottosella: https://amzn.to/2Evjkjx
Pompa portatile: https://amzn.to/38OjhgF
Camere d’aria: https://amzn.to/34yHoMV
Cacciacopertoni: https://amzn.to/35zGa5b

Come raggiungere Poffabro e Frisanco

Questi due borghi immersi tra le cime delle Prealpi Carniche sembrano lontanissimi dal caos della pianura pordenonese ma in realtà distano solo 8 chilometri da una delle sue principali cittadine, Maniago (PN). Per raggiungerli da qui è necessario imboccare la SP26 che si addentra nella stretta e suggestiva Val Colvera fino a condurre a Poffabro e Frisanco. E’ impossibile perdersi: la stretta e lunga Val Colvera si allarga dopo due gallerie e giunti alla fine della strada si trovano le indicazioni per Poffabro (girare a destra) e per Frisanco (girare a sinistra). Noi abbiamo raggiunto diverse volte Poffabro e Frisanco partendo in bicicletta da Pordenone: una volta giunti qui è possibile infatti allargare il proprio itinerario a splendide zone del Friuli, ma di questo parleremo a breve!

Poffabro: uno dei borghi più belli d’Italia ai piedi del Monte Raut

Poffabro, uno dei borghi più belli d’Italia e frazione di Frisanco, sorge proprio ai piedi del Monte Raut, che con i suoi 2025 metri è una delle montagne più alte della catena delle Alpi Carniche. Abbiamo raggiunto Poffabro in molte occasioni ma ogni volta che ci avviciniamo al borgo veniamo colpiti dallo stesso stupore del giorno in cui lo abbiamo visto per la prima volta. Le case che formano il paese, costruite secondo le caratteristiche dell’architettura friulana tradizionale, sembrano arrampicarsi sui fianchi delle montagne sovrastanti. Le loro cime sorvegliano il paese offrendo scorci meravigliosi ai visitatori che passeggiano tra le vie del borgo. Perdersi tra i vicoli e le piccole piazze immaginando la vita che scorre lenta oltre le porte e tra i cortili è il modo migliore per visitare Poffabro! Tra un vicolo e l’altro concedetevi una sosta presso la bella piazza centrale del paese, dominata dalla Chiesa di San Nicolò Vescovo.

Frisanco: il capoluogo della Val Colvera

Frisanco, a poco meno di due chilometri da Poffabro, è dal 1810 il capoluogo della Val Colvera. Le case che formano il paese sono dominate da alcuni rilievi che si elevano tra i 400 e i 600 metri di altezza. La cima piú alta è sempre quella del Monte Raut, che ci si lascia alla spalle man mano che ci si avvicina al paese. Come Poffabro, il centro di Frisanco ospita una chiesa parrocchiale, SS. Fosca e Maura, dalla quale si gode di una bellissima vista sul paesaggio che circonda l’abitato. Continuando la nostra esplorazione del territorio, quasi per caso siamo arrivati anche presso la piccola chiesa votiva Beata Vergine Addolorata (loc. Valdestali), uno dei numerosi edifici religiosi che costellano il territorio (2 chilometri da Frisanco). Esplorare questi territori in bicicletta ci ha dato modo di immergerci in atmosfere d’altri tempi dove la vita dell’uomo sembra essere ancora legata ai ritmi della natura e dove si vive in armonia con i paesaggi che circondano i borghi e i paesi.

Val Colvera: una porta d’ingresso alle Prealpi Carniche

Al di là della bellezza dei due borghi, una delle cose che ci ha colpito di questo territorio è l’avvicinamento a Poffabro e Frisanco. La Val Colvera, infatti, può essere considerata una delle porte d’ingresso al complesso delle Prealpi Carniche. E’ proprio tra le sue strette e rocciose pareti verticali che scorre la strada provinciale 26, che non solo è l’unica per raggiungere Poffabro e Frisanco da Maniago, ma è anche un punto di osservazione privilegiato del canyon formato dal torrente Colvera, affluente del Meduna. Le sue limpidissime acque, nella corsa verso la pianura, hanno formato pozze cristalline, salti tra le rocce e piccole cascate! Un vero e proprio spettacolo che non possiamo fare a meno di ammirare ogni volte che passiamo di qui. Non solo: in Val Colvera sono state rinvenute tracce di insediamenti umani che testimoniano la scelta della valle da parte dell’uomo fin dalla preistoria!

Poffabro e Frisanco ma non solo: itinerari per scoprire le Prealpi Carniche in bicicletta

Questi due borghi possono sicuramente essere considerati uno dei punti di partenza ideali per scoprire le Prealpi Carniche in bicicletta. Ci siamo resi prestissimo conto che questo territorio è attraversato da una moltitudine di strade frequentate perlopiù dal (poco) traffico locale. Ad esempio, un bellissimo itinerario in bicicletta per scoprire la zona è quello che trovate nella mappa sottostante. Noi lo abbiamo percorso in primavera e in un colpo solo abbiamo avuto modo di apprezzare alcuni dei luoghi più belli delle Prealpi Carniche.

Un’altra possibilità è quella di fare un giro ad anello con partenza e arrivo sulla pedemontana pordenonese. Si potrebbe raggiungere Poffabro da Pordenone, imboccare la Pala Barzana e arrivare a Barcis, per poi scalare Piancavallo e ridiscendere verso Aviano (PN). Noi abbiamo percorso diverse volte questo itinerario partendo da Pordenone.

Scarica l’itinerario!

Informazioni

  • Tra Maniago e Poffabro si trovano due gallerie: la prima è il Bus del Colvera ed è lunga 1 chilometro e 200 metri. E’ possibile saltarla percorrendo la ben visibile strada ciclo-pedonale sulla destra che costeggia proprio il torrente Colvera. La seconda galleria è invece più corta. Vi consigliamo comunque di dotarvi sempre di luce anteriore e posteriore;
  • Sia a Poffabro che a Frisanco è possibile fare rifornimento di acqua e cibo. Salendo verso il centro di Poffabro è presente una fontanella mentre nella sua piazza centrale c’è un bar. A Frisanco sono presenti diversi bar e trattorie;
  • A Poffabro si svolge ogni anno la manifestazione “Poffabro, presepe tra i presepi”, giunta nel 2019 alla sua 28esima edizione. I cortili, le finestre e le piazze del paese ospitano decine e decine di presepi creando un’atmosfera unica dal primo dicembre al dodici gennaio del 2020. Non mancheremo di visitare Poffabro durante le festività natalizie!

Link

Manuela e Filippo

Disclaimer: Cyclinginlove.com partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU. Questo programma di affiliazione consente ai siti aderenti di percepire una commissione pubblicitaria fornendo link al sito Amazon.it. Questo non è un articolo sponsorizzato e tutte le opinioni espresse sui prodotti consigliati sono strettamente personali oltre che derivanti dal nostro prolungato utilizzo degli stessi.


Related Posts

Colli Euganei in bicicletta: un paradiso per il cicloturista

Colli Euganei in bicicletta: un paradiso per il cicloturista

Con grandissimo piacere, con il post di oggi, vi portiamo con noi a scoprire l’incantevole cornice dei Colli Euganei: un vero e proprio paradiso a misura di cicloturista, a due passi da Padova! Caratteristiche dei Colli Euganei I Colli Euganei hanno un’estensione di 187 chilometri […]

Cosa vedere a Feltre: tre punti di interesse da non perdere nel centro storico

Cosa vedere a Feltre: tre punti di interesse da non perdere nel centro storico

Feltre: una sorpresa inaspettata Ricordate il press tour a cui abbiamo preso parte lo scorso giugno? Come blogger, insieme ad altri giornalisti, siamo stati invitati a scoprire in anteprima la neonata ciclopista del Piave. Tra una pedalata e l’altra abbiamo avuto modo di visitare anche […]



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Accetto!