Strada del Prosecco in bicicletta: pedalando tra i vigneti di Valdobbiadene e Conegliano

Strada del Prosecco in bicicletta: pedalando tra i vigneti di Valdobbiadene e Conegliano
Sei qui Home » Veneto » Strada del Prosecco in bicicletta: pedalando tra i vigneti di Valdobbiadene e Conegliano

(in collaborazione con l’Hotel Canova)

La Strada del Prosecco non è soltanto uno degli itinerati veneti più apprezzati dagli amanti delle bollicine ma è anche un bellissimo percorso cicloturistico che non abbiamo tardato a percorrere e che la collaborazione con il Bike Hotel Canova ci ha dato l’occasione di approfondire. Scopriamo insieme la Strada del Prosecco in bicicletta!

Di cosa parleremo in questo articolo

- Strada del Prosecco in bicicletta: l'itinerario
- La nostra attrezzatura
- Vigneti che conquistano...e invitano al ritorno
- Non solo sport: scoprite i prodotti tipici della zona!
- La venetissima Osteria senz'Oste
- Chi c'è dietro l'Osteria senz'Oste?
- Un territorio perfetto da scoprire in bicicletta
- Scarica l'itinerario nel formato che preferisci
- Informazioni

Strada del Prosecco in bicicletta: l’itinerario

La Strada del Prosecco è un itinerario enogastronomico che unisce due località del Veneto divenute simbolo della produzione del famoso vino bianco: Conegliano e Valdobbiadene (TV). Abbiamo pedalato diverse volte in questa zona e in occasione della nostra collaborazione con l’Hotel Canova abbiamo scelto Valdobbiadene come punto di partenza. Da questo grazioso centro abitato in provincia di Treviso, vera e propria porta di accesso alle famose colline, ci siamo diretti verso le località Santo Stefano, Guietta e Colmellere. Dopo aver raggiunto Combai, siamo tornati verso Valdobbiadene attraversando Guia, Rovede e Case Villanova. In totale abbiamo percorso 48 chilometri e mezzo, con 585 metri di dislivello, pedalando sulle sezioni più suggestive della Strada del Prosecco. Appena se ne presenterà l’occasione percorreremo sicuramente l’intero itinerario da Valdobbiadene a Conegliano.

La nostra attrezzatura

Prima di parlarvi di ciò che ci ha fatto innamorare di questa zona, condividiamo con voi alcune sue caratteristiche climatiche di cui tenere conto nella scelta di abbigliamento e accessori. A dispetto delle loro dolci sembianze, infatti, le colline del prosecco sorgono tra l’arco alpino e la pianura veneta. In autunno e inverno le temperature sono quelle della pedemontana mentre in primavera ed estate si fa sentire il caldo torrido proveniente dalla pianura. Per non sbagliare, nelle mezze stagioni è sicuramente utile avvalersi di antivento, gambali e manicotti. In generale, nelle foto che vedete in questo post abbiamo utilizzato:

Integrazione

– Sali minerali: https://amzn.to/2Q77fpY
Barrette: https://amzn.to/2MjP0g0

Accessori

– Maglia intima Uyn smanicata: https://amzn.to/2FJfi7y
– Gambali: https://amzn.to/2FEfhBZ
Manicotti: https://amzn.to/36rTKap
Antivento: https://amzn.to/38BbHVE

Accessori

Casco (Filippo): https://amzn.to/39dC5Gi
Occhiali (Filippo): https://amzn.to/2MiIKow
Garmin Edge 520: https://amzn.to/2sdr0nJ
Borsa sotto sella: https://amzn.to/35Oe6eF
Camere d’aria: https://amzn.to/2PMXK03
Pompa: https://amzn.to/2tDQPh7
Caccia copertoni: https://amzn.to/2SsIwiT
Porta borraccia: https://amzn.to/2Mhkhjy

Vigneti che conquistano…e invitano al ritorno

La breve sezione della Strada del Prosecco che abbiamo percorso in occasione della nostra collaborazione con l’Hotel Canova, ci ha lasciato letteralmente l’acquolina in bocca. Non a caso, dopo esserci messi alla prova su questo divertente terreno collinare le ruote delle nostre biciclette hanno solcato in molte altre occasioni queste suggestive strade perfette in qualsiasi stagione. Ogni volta che ci è capitato di pedalare qui abbiamo trovato strade poco trafficate e con un buon asfalto che permettono un allenamento davvero variegato. Non si incontrano soltanto lievi salite e dolci discese ma anche divertenti muri a doppia cifra a strette e veloci picchiate verso la pianura. Chilometro dopo chilometro, i cambi di pendenza, uniti ad un paesaggio in continuo cambiamento, rendono davvero impossibile annoiarsi!

Non solo sport: scoprite i prodotti tipici della zona

Da sostenitori del territorio e delle sue eccellenze, non possiamo parlare di Strada del Prosecco in bicicletta senza almeno accennare ai prodotti tipici della zona. Se scegliete di pedalare qui, è infatti giusto sapere che anche la pedalata più semplice può trasformarsi subito in un’uscita enogastronomica :). La provincia di Treviso fa parlare di sè non solo per la produzione di prosecco ma anche di tante varietà di salumi e formaggi che vi invitiamo ad assaggiare tra un chilometro e l’altro.

La venetissima Osteria senz’Oste

Se non vi abbiamo ancora convinto a percorrere la Strada del Prosecco in bicicletta, ci affidiamo totalmente alle righe che state leggendo. Ad appena tre chilometri da Valdobbiadene, infatti, in cima al colle Cartizze è situato un caratteristico locale che attrae migliaia di visitatori locali ed internazionali. Stiamo naturalmente parlando della famosissima Osteria senz’Oste, locale in cui proprio tutto (dalla scelta del cibo e del vino fino al pagamento) avviene in completa autonomia. Il cibo e le bevande scelte vengono consumate sulle panoramiche tavolate situate in prossimità dell’Osteria che con la sua atmosfera contribuisce a ricreare un ambiente semplice e genuino, quasi di altri tempi.

Chi c’è dietro l’Osteria senz’Oste?

Dopo aver pranzato qui non abbiamo potuto fare a meno di approfondire la storia di questo luogo. Un oste effettivamente c’è: si chiama Cesare de Stefani e insieme a sua moglie si assicura che dispense e bicchieri siano sempre pieni. Tutto il resto si basa semplicemente sulla fiducia, il valore alla base dell’Osteria. Com’è nato tutto questo lo racconta lo stesso Cesare a chiunque glielo chieda!

Avevo questo vecchio casale tra i miei vigneti dove venivo con gli amici a bere qualcosa. Capitava però che quegli stessi amici, passati magari a farmi un’improvvisata, non mi trovassero. Allora lasciavano un bigliettino, lamentandosi di essere rimasti a bocca asciutta. Così iniziai a mettere sul tavolo una bottiglia, i bicchieri e un’indicazione: “Valore 10 Euro, servitevi pure”, con accanto un salvadanaio. L’idea è piaciuta: la gente beveva e lasciava l’obolo. Allora ho arricchito l’offerta, con pane, salumi e altri prodotti. Poi, per non avere problemi col fisco, ho messo un registratore di cassa self-service invece del salvadanaio.

Un territorio perfetto da scoprire in bicicletta

Dopo la nostra prima pedalata tra queste colline abbiamo capito perchè chi le scopre adora tornarci. D’altra parte, nemmeno noi siamo rimasti immuni al fascino della zona tra Valdobbiadene e Conegliano. Abbiamo avuto l’occasione di pedalare ancora qui durante il press tour del 2018 lungo la nascente Ciclovia del Piave e durante la 24 ore dei Folletti Verdi (agosto 2019). Diverse volte abbiamo percorso la Strada del Prosecco in bicicletta anche per raggiungere la Valbelluna da Passo San Boldo oppure la valle del Piave partendo da Valdobbiadene. In questi posti ci sentiamo quasi a caso e siamo sicuri che qualunque sia il vostro grado di allenamento, queste strade saranno sicuramente in grado di soddisfare non solo le vostre gambe ma anche il vostro palato!

Scarica l’itinerario nel formato che preferisci

Informazioni

Ogni anno, migliaia di ciclisti partono da Valdobbiadene per mettersi alla prova sul tracciato collinare della Granfondo Prosecco Cycling. Se vi state approcciando per la prima volta alla zona, questa manifestazione potrebbe essere l’occasione giusta per scoprire questo variegato territorio.

Link

Manuela e Filippo

Disclaimer: Cyclinginlove.com partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU. Questo programma di affiliazione ci consente di percepire una commissione pubblicitaria (in caso di acquisti) fornendo link al sito Amazon.it.Il prezzo per l’utente rimane invariato e noi riceviamo un piccolo contributo che ci aiuta a migliorare il blog e mandare avanti il progetto cyclinginlove.com. Ricordiamo che questo non è un articolo sponsorizzato.


Related Posts

Tempio del Canova e gypsotheca: alla scoperta di Possagno

Tempio del Canova e gypsotheca: alla scoperta di Possagno

Ricordate QUESTO POST in cui vi avevamo parlato di Possagno (TV), città natale dell’artista Antonio Canova? Oggi, nella rubrica Giù dai pedali, vi portiamo con noi in questo piccolo abitato della pedemontana veneta che abbiamo scoperto in bicicletta. Prima di ripartire dall’Hotel Canova (in cui […]

Colline del prosecco in bicicletta: un fine settimana al Bike Hotel Canova

Colline del prosecco in bicicletta: un fine settimana al Bike Hotel Canova

(in collaborazione con l’Hotel Canova) Alla scoperta delle colline del prosecco Nel week end dell’8-10 settembre, ho avuto l’occasione di  soggiornare per la prima volta presso il Bike Hotel di Canova (Cavaso del Tomba, TV). Proprio in questi due giorni ho cominciato ad approfondire il […]



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Accetto!