Trekking al Rifugio Pradut (1450 mt): come raggiungerlo e cosa fare

Trekking al Rifugio Pradut (1450 mt): come raggiungerlo e cosa fare
Sei qui Home » Giù dai pedali » Trekking al Rifugio Pradut (1450 mt): come raggiungerlo e cosa fare

In vista dell’aggiornamento del calendario editoriale (strumento fondamentale per la programmazione dei contenuti che vedete su questo blog!) stavo scorrendo alcune vecchie foto sul mio iPhone e mi sono resa conto di non avervi mai parlato di una delle escursioni più panoramiche e rilassanti della scorsa primavera: quella al rifugio Pradut! Rimedio subito condividendo con voi come raggiungere questo bel rifugio immerso nel Parco Naturale delle Dolomiti Friulane e quali itinerari è possibile programmare partendo dal rifugio. Preparate gli scarponi e…partiamo per una nuova avventura Giù dai pedali!

L’itinerario in breve

  • Chilometri: circa 9
  • Dislivello: 760 metri
  • Quote: 650 metri (Pian del Muscol) – 1450 metri (rifugio Pradut)
  • Tempo di percorrenza A/R: 4/5 ore (pause escluse)
  • Sentieri: 960a o strada forestale
  • Punti di appoggio: Rifugio Pradut
  • Acqua: presente torrente (nei pressi del parcheggio)
  • Terreno: sentiero, strada sterrata, strada asfaltata
  • Difficoltà: E/T
  • Periodo consigliato: tutte le stagioni
  • Copertura di rete: presente

Di cosa parleremo in questo articolo

Rifugio Pradut: dove lasciare l’auto
Come raggiungere il rifugio
Cosa fare in rifugio
Il mio equipaggiamento
Scarica gratuitamente la traccia dell’itinerario

Rifugio Pradut: dove lasciare l’auto

Per raggiungere il sentiero che consente di arrivare al rifugio Pradut occorre recarsi a Claut, piccolo e ben tenuto paesino della provincia di Pordenone immerso tra le montagne. Superato Claut si seguono le indicazioni per Lesis, una frazione del paese. Addentrandovi con l’auto lungo la strada, vedrete che ci sono diversi parcheggi a disposizione anche prima di arrivare allo spiazzo principale che si trova proprio al termine della strada (loc: Pian del Muscol). Il mio consiglio è ovviamente quello di arrivare presto in modo da non doversi ritrovare ad improvvisare parcheggi più o meno fantasiosi in luoghi dove non è consentito lasciare l’auto. Non dimentichiamo che ci troviamo sempre all’interno di un Parco Naturale 😉 A questo link trovate il punto preciso da impostare sul navigatore come destinazione per il parcheggio.

Guarda il reel di questo trekking al rifugio Pradut

https://www.instagram.com/reel/CQENQjuo29J/

Come raggiungere il rifugio

Il rifugio Pradut è raggiungibile sia tramite comodissima strada forestale (sterrata prima e asfaltata poi) sia attraverso un bel sentiero nel bosco, il numero 960a. Ad oggi purtroppo il sentiero è percorribile solo fino a quota 1100 metri circa: dopo, risulta impraticabile a causa dei numerosi schianti di alberi provocati dalla tempesta Vaia e occorre necessariamente continuare su strada forestale. Vi consigliamo di scegliere il sentiero se avete meno tempo o avete in programma di continuare l’escursione oltre il rifugio: rispetto alla strada asfaltata, infatti, il sentiero abbrevia di molto i tempi di salita. Al contrario, la strada è sicuramente preferibile se potete salire con più calma oppure durante l’inverno. A proposito, i nostri amici di Escursioni Friuli hanno raggiunto il Pradut proprio durante l’inverno: a questo link trovate le loro bellissime foto 😍

Cosa fare in rifugio

Nei rifugi di montagna si dorme…o si mangia! Scherzi a parte, quello che ho fatto io al rifugio Pradut, dopo un’ottimo piatto di pasta, è stato bere una birra media sul prato guardando dolcissimi asinelli al pascolo. Non sono mancati un pisolino e la lettura di un libro in totale relax. Sebbene fosse una splendida giornata per salire ulteriormente di quota, avevo soltanto voglia di rilassarmi e il richiamo dei verdissimi e morbidi prati che circondano il rifugio era troppo potente per essere ignorato 😂 D’altronde, anche il panorama meritava attenzione: dal rifugio Pradut, che si trova sul versante nord del monte Resettum, si gode di una bellissima vista su molte cime delle Dolomiti Friulane, Duranno compreso! Dal rifugio partono anche molti sentieri che un giorno ci piacerebbe percorrere. Alcune destinazioni della zona che si possono raggiungere sono casera Casavento, Forcella dei Tramontinis o casera Resettum. I più esperti possono partire dal rifugio Pradut anche per raggiungere la cima del Resettum (2069 metri). In attesa di parlarvi direttamente di questi itinerari, potete seguire l’account Instagram del rifugio Pradut per raccogliere spunti.

Il mio equipaggiamento

Avendo programmato di fare un’escursione giornaliera, sono partita da casa abbastanza “scarica” in termini di peso dello zaino. Data la bella giornata avevo con me giusto il minimo indispensabile: non mancava tuttavia nello zaino un cambio asciutto completo (in montagna il tempo può cambiare anche improvvisamente!). Ecco cosa ho portato con me:

Il rifugio Pradut è stato davvero una piacevolissima scoperta: della struttura abbiamo apprezzato l’accoglienza, il fatto che sia molto facile da raggiungere e che sia il sentiero che la strada siano estremamente panoramici. Ci torneremo sicuramente, anche per coccolare ancora i dolcissimi asinelli che ci hanno accolto! Se siete stati in questo rifugio o avete percorso altri itinerari della zona, fatecelo sapere nei commenti: siamo sempre a caccia di idee 😏

Scarica gratuitamente la traccia dell’itinerario

Manuela

L’articolo ti è stato utile? Iscriviti al blog per ricevere via mail nuove proposte di itinerari ciclistici ed escursionistici.

Disclaimer: Cyclinginlove.com partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU. Questo programma di affiliazione ci consente di percepire una piccola commissione (in caso di acquisti) fornendo link al sito Amazon.it.Il prezzo per l’utente rimane invariato e noi riceviamo un piccolo contributo che ci aiuta a mandare avanti il progetto cyclinginlove.com. Ricordiamo che questo non è un articolo sponsorizzato.


Related Posts

Trekking sulla strada delle 52 gallerie del Pasubio

Trekking sulla strada delle 52 gallerie del Pasubio

Nascosta tra le scoscese pareti del monte Pasubio (Piccole Dolomiti, Vicenza) si trova una straordinaria opera di ingegneria militare risalente alla Prima Guerra Mondiale: la strada delle 52 gallerie. La storia delle 52 gallerie Costruita in soli 8 mesi dai minatori dell’Arma del Genio dell’esercito […]

Gran Sasso d’Italia: sentieri per raggiungere il Corno Grande a piedi dal versante aquilano

Gran Sasso d’Italia: sentieri per raggiungere il Corno Grande a piedi dal versante aquilano

Abruzzo: dove nasce il nostro amore per la montagna Questo articolo della rubrica Giù dai pedali è dedicato a una regione che ci sta particolarmente a cuore, l’Abruzzo e ad alcuni dei sentieri del Gran Sasso, la cima più alta della regione e dell’intera catena […]



Rispondi